Chi sono

Spiegare chi sono non è facile, visto che sono ancora in cammino, ma posso senz’altro dire di essere una persona molto curiosa e con un infinito ottimismo.

Mi occupo di cartomanzia da circa 30 anni: le carte mi hanno attirato fin da bambina quando provavo soddisfazione semplicemente nel toccare un mazzo di carte comprato da mia mamma o quando, come diario delle elementari, me ne sono scelta uno che aveva tutte le immagini dei Tarocchi che si potevano ritagliare, e stavo ad ammirarle e a giocarci per molta parte delle mie giornate, o ancora, quando a 13 anni, guardando il mazzo di sibille acquistate da mia madre, cercavo di interpretare il futuro alle amiche. A dire il vero, in quegli stessi anni, si fa avanti in me anche l’interesse per la pittura, ma seguendo il consiglio degli insegnanti, frequento non una scuola d’arte, ma il liceo classico e poi , l’Università, portandola avanti anche con ottimi risultati. Decido però che non è così che posso o voglio trovare il mio posto nel mondo, mi sento insoddisfatta e le mie giornate diventano sempre più pesanti da sopportare, tra esami in cui prendere sempre il massimo dei voti e professori e famiglia da non deludere. Nel frattempo comincio a frequentare corsi di cartomanzia e a prendere sempre più seriamente questa magnifica arte divinatoria. È a questo punto che decido finalmente di smettere di fare quello che gli altri si sono sempre aspettati da me, di pensare a cosa avrebbero pensato e magari anche alla possibile delusione che avrei dato loro, e per una volta penso solo a me, a come poter essere felice. Così getto tutto alle ortiche per seguire la mia prima e vera passione, la cartomanzia.

Solo diversi anni dopo ho la fortuna di incontrare finalmente anche il Reiki: prendo il primo livello, pensando di usare tale disciplina solo per auto trattarmi, ma me ne innamoro a tal punto da conseguire in poco tempo anche tutti gli altri livelli fino a “concludere” il percorso con il livello Master. Nel 2017 conseguo un nuovo livello Master secondo la tradizione giapponese della scuola Komyo ReikiDo e partecipo al seminario per insegnanti Komyo tenuto dal Monaco giapponese Inamoto ricevendo le attivazioni Reiki anche da lui. Fin dal terzo livello Usui Shiki Ryoho tratto quotidianamente sempre più persone, finchè durante alcune sedute, ricevo “illuminazioni” e oserei dire vere e proprie “manifestazioni” per riuscire ad ottenere prima e meglio i risultati sperati. Il mio metodo di approccio al Reiki oggi, unisce quindi, agli insegnamenti ricevuti, numerosi spunti creativi e personali atti a facilitare non solo la comprensione della disciplina durante i corsi, ma anche l’esecuzione dei trattamenti e ad accelerare i tempi nel conseguimento degli obbiettivi prefissati

In questi ultimi anni sono diventata Matrix coach, ho seguito corsi e approfondito lo studio della cristalloterapia, della riflessologia del piede, dei fiori di Bach, delle tecnologie di Joel Ducatillon . Sono diventata Master di diversi sistemi Reiki come il Kundalini Reiki, il Gold Reiki, Il reiki di Atlantide, e molti altri ancora. Ho fatto corsi con B. Weiss sulla regressione a vite passate, con Martina su diverse metodologie e pratiche da lui messe a punto sulla “guarigione” e sul benessere psicofisico, corsi di Channeling e medianità, corsi di comunicazione telepatica con gli animali e corsi su alcuni rituali e pratiche sciamaniche. Proprio da una Sciamana e Sacerdotessa Maya, esperta del Cholkij (il sacro calendario Maya) un paio di anni fa, mi sono fatta fare la lettura della Croce Maya. Secondo i Maya ognuno di noi già dalla nascita ha delle energie ben precise, delle attitudini, degli scopi di vita. I Maya davano grande importanza all’Energia con cui si nasceva, perchè questa conoscenza aiutava le persone a crescere in accordo con la loro vera essenza e a sviluppare meglio e prima le loro reali capacità. Nella nostra società, infatti, ci sono talmente tanti condizionamenti esterni che non è sempre facile trovare il proprio cammino: modelli prestabiliti che ci  “impongono” come vivere, che ci dicono cosa è giusto e cosa è sbagliato, che possono purtroppo allontanare dal nostro vero proposito di vita, dalla direzione che ci sceglieremmo se solo si potesse ascoltare solo se stessi.

Nella civiltà Maya, quando nasceva un bambino, i genitori erano soliti portarlo dallo Sciamano per vedere attraverso la lettura della Croce Maya quali fossero le sue potenzialità, in modo tale da riuscire ad aiutarlo e indirizzarlo meglio nel suo cammino futuro, senza ovviamente limitarlo nella sua libera sperimentazione e nella sua volontà.

Durante l’incontro con la Sacerdotessa che non mi conosceva e non poteva sapere nulla di me, grazie alla lettura del tema natale, venni a conoscenza di molti aspetti della mia vita, ma la prima cosa che mi disse, non senza un qualche imbarazzo, fu: ” Tu possiedi l’energia del visionario. Nella tua mano destra c’è il fuoco e la usi per curare, nella tua mano sinistra c’è l’acqua e riesci a leggere il futuro”

Inutile dire che avere conferma da questo incontro, che sto adempiendo al mio percorso di vita, che cioè non sto vivendo in opposizione alle mie energie e al mio destino e che sto seguendo quello che realmente mi corrisponde, mi ha lasciato dentro un grande senso di soddisfazione e appagamento. Soprattutto mi ha lasciato la voglia di continuare questo percorso, per apprendere e approfondire sempre più tecniche inerenti ai miei studi, nella speranza di essere d’aiuto agli altri e di svolgere al meglio quello che non posso considerare solo un lavoro, ma che ritengo a tutti gli effetti una passione e vocazione di vita.

A tal proposito, c’è un bellissimo video di Roberto Mercadini, Poeta parlante,  in cui parla della differenza tra l’essere felici e l’essere contenti. In questo video partendo dall’etimologia del termine “felice” che deriva dal latino “felix” ovvero “fecondo”, “fertile”, Mercadini arriva ad illuminarci su cosa sia davvero la felicità.  Dice nel video: “Un albero quand’è che è felix, fecondo, ossia felice? Quando dà molto frutto. La felicità non è non avere problemi, non fare fatica, non dover risolvere le difficoltà, ma è un fare, un produrre, un dare. Un fare come fa l’albero che facendo, dando frutto, esprime qualcosa della propria essenza. Il melo esprime sè facendo mele ed ognuno si esprime secondo la sua diversa ed unica essenza”. Io sono dunque molto felice di poter esprimere la mia essenza facendo ciò che faccio, proprio come quel melo. Spendete, se vi va, dieci minuti del vostro tempo per guardare questo video. https://www.youtube.com/embed/_6PoLLuzsSo?version=3&rel=1&showsearch=0&showinfo=1&iv_load_policy=1&fs=1&hl=it&autohide=2&wmode=transparent https://www.youtube.com/embed/_6PoLLuzsSo?version=3&rel=1&showsearch=0&showinfo=1&iv_load_policy=1&fs=1&hl=it&autohide=2&wmode=transparent

Per riprendere ancora le parole di Mercadini nel video, “dovesse esistere un Valhalla per me, sarebbe così, ovvero fare quello che faccio (anche se non privo di difficoltà) per sempre.”

Mettendo da parte il Poeta e tornando ai miei “frutti”, ecco in cosa posso aiutarti e cosa puoi richiedere:

  • Lettura e riequilibrio dei chakra
  • Consulenza sulle pietre/cristalli per migliorare il benessere fisico e mentale
  • Consulenza sulle pietre/cristalli per la casa
  •  Pulizia energetica degli ambienti (anche a distanza)
  • Fiori di Bach
  • Trattamenti di riflessologia del piede, metodo tradizionale e metodo RPG
  • Corsi di Reiki  di I livello, II livello , III livello e livello Master secondo il metodo occidentale tradizionale, l’Usui Shiki Ryoho (sia in presenza che on line con attivazioni sul momento)
  • Corsi di Reiki di I livello – Shoden, II livello- Chuden, III livello – Okuden e livello Master – Shinpiden secondo la tradizione giapponese della scuola Komyo ReikiDo (Solo in presenza come richiesto dalla scuola Komyo)
  • Kundalini Reiki di I, II, III livello – sia in presenza che on line con attivazioni sul momento, ma anche a distanza con attivazioni concordate, no metodo chi ball a meno che non sia richiesto dall’allievo
  • Gold Reiki (in presenza o a distanza con attivazione concordata)
  • Reiki delle Energie di Atlantide (in presenza o con attivazione concordata)
  • Trattamenti Reiki
  • Trattamenti Reiki a distanza (non uso il metodo chi ball, ma sono veri e propri trattamenti completi)
  • Reiki per trattare una situazione, presente, passata o futura
  • Consulti di cartomanzia, in studio e telefonici
  • Corsi di cartomanzia individuali, sia in studio che a distanza
  • Corsi per l’utilizzo del pendolo, sia in studio che on line
  • Distribuzione gratuita di Acqua Diamante
  • Pole Inversion, per liberarsi delle memorie Karmiche depotenzianti (anche a distanza)
  • Studio sulle vite passate e missione cosmica/compito di vita/ lezioni da imparare (a distanza)
  • Potenziamento/Attivazione Reiki per la protezione
  • Corso/attivazione di potenziamento Reiki per la protezione (a distanza)
  • Attivazione al simbolo Raku per chi ha già almeno il secondo livello Reiki, ma non sia stato attivato a tale simbolo
  • Attivazione Atlantic Light Temple Energy (Attivazione alle antiche Energie Atlantidee)
  • Attivazione DNA Reiki

Ricevo, solo su appuntamento, a Bagnolo in Piano, in provincia di Reggio Emilia, anche se quasi tutto quello di cui mi occupo, può essere svolto anche a distanza, telefonicamente o on line, ovviamente sempre previo appuntamento. Nella pagina “Contatti” potete trovare gli indirizzi e i numeri per prendere appuntamento e per richiedere informazioni. Purtroppo sono poco reperibile telefonicamente, dal momento che durante i vari trattamenti e i consulti sono solita tenere staccato il telefono, ma nel caso non doveste riuscire a parlare con me, potete comunque scrivermi una mail o lasciarmi un messaggio su whatsapp e io vi risponderò appena possibile. Se preferite, potete anche contattarmi sulla mia pagina facebook Di Tarocchi e altri incanti”

Condividi:

COSA FARE CON I CRISTALLI

Tutto ciò che è vivo vibra: gli esseri umani, gli animali, le piante, le pietre. Anzi, mi vien da dire, soprattutto le pietre e i cristalli. Noi esseri umani siamo abituati a considerare come esistente solo quello che tocchiamo o vediamo, trascurando ciò che non è tangibile e l’energia che percorre ogni minimo strato della materia ne è un esempio. Ognuno di noi è fatto di energia e l’energia pervade ogni cosa. Fin dall’antichità le pietre venivano usate per ritrovare il benessere psicofisico. Ci sono leggende affascinanti che riguardano praticamente quasi tutte le pietre conosciute, esse venivano usate soprattutto come preziosi amuleti di guarigione e potenti talismani contro la sfortuna.

Il colore, la forma, la composizione, il sistema cristallino, rendono il minerale quello che è, con quella precisa vibrazione, capace di rilasciare informazioni. Il principio alla base della cristalloterapia è proprio la capacità di modificare l’energia di alcuni corpi attraverso le vibrazioni in movimento emanate dalla pietra stessa. I cristalli e le pietre sono strutture armoniche create dalla natura, capaci di riordinare e riequilibrare chiunque entri in contatto con essi. I cristalli se usati in modo intelligente aiutano a identificare un problema e a lavorare per la sua risoluzione.

Le pietre conferiscono serenità, donano gioia, calmano o danno energia a seconda della tipologia, l’importante è usarle nel modo giusto. Ci sono diversi modi per lavorare con le pietre e servirsi di esse.

Le pietre si possono posizionare sul corpo per lavorare su un punto preciso in modo da stimolare ciò che ci interessa a livello fisico, emotivo o spirituale. Si possono indossare non solo per piacere, per estetica, ma per assorbire le loro vibrazioni in modo da bilanciare il nostro campo energetico. Ci si può dormire, tenendole sotto al cuscino o sopra al comodino, comunque molto vicino a noi, per aiutarci a riposare di più, a fare sogni che ricorderemo meglio al risveglio, sogni rivelatori, senza che la mente razionale vada ad interferire col loro lavoro. Possono essere usate in meditazione, per distendere la mente, per aprire il terzo occhio. Possono risultare molto utili per tutti quelli che fanno professioni come la mia, legate all‘esoterico e/o alle terapie alternative: rappresentano davvero un grande aiuto per diventare più intuitivi e ricettivi, per comprendere e “sentire” meglio. Infine (si fa per dire) si possono semplicemente esporre: mettete una pietra nei posti che siete soliti frequentare, dove vivete e lavorate e non solo esse vi aiuteranno a vivere meglio l’ambiente e le persone con le quali vi troverete ad interagire, ma vi aiuteranno a svolgere al meglio i vostri compiti. Fermo restando che per ottenere il massimo possibile per voi, dovrete scegliere la pietra o le pietre che fanno al caso vostro, quelle più giuste per quel momento specifico o problematica da risolvere ed eventualmente sapere dove posizionarle. Spesso capita infatti, che la pietra sia quella più giusta, ma che non venga utilizzata nel modo migliore o sulla parte del corpo corretta per quella tipologia. Ecco perché un cristalloterapeuta esperto può fare la differenza, anche se, come in ogni cosa della vita, l’intuizione è sempre molto importante. A volte, scegliere una pietra istintivamente, perché vi ha attirato il colore o la forma, è una buona soluzione: evidentemente se siete molto colpiti da una pietra è perché questa vi ha “chiamato”.

Corso di I livello

Il Primo Livello Reiki (Shoden) viene definito “fisico”, perchè focalizzato soprattutto sull’aspetto appunto fisico di questa disciplina. Durante il seminario oltre alla storia e alla corretta procedura dei vari trattamenti vengono impartite dal Master Reiki, singolarmente ad ogni partecipante, e in momenti diversi del corso, quattro attivazioni energetiche, chiamate anche armonizzazioni (Rejiu). L’esperienza del primo Rejiu è diverso da persona a persona, un momento molto suggestivo ed emozionante.
Da questo momento e per sempre, il Reiki scorre nella persona che lo ha ricevuto,  naturalmente e in modo illimitato.

Se dovessimo sintetizzare in una sola affermazione il Reiki di primo livello, potremmo farlo con l’affermazione “Aiuta te stesso”. Il primo livello Reiki ci porta infatti a capire meglio le nostre vere esigenze, a capire meglio noi stessi. È la capacità, insita in ogni persona di rigenerarsi, di attivare modalità di autoguarigione, di comprendere la propria natura ed esaltare al meglio le proprie inclinazioni e talenti. È una spinta al nostro processo di crescita, una possibilità profonda per capire che la felicità è una scelta che passa attaverso una serie di consapevolezze che ci permettono di acquisire progressivamente un atteggiamento diverso e migliore nei confronti di quello che ci circonda e della nostra vita in generale.

Programma del corso

  • I propositi Komyo ReikiDo
  • Le origini del Reiki
  • La storia di Mikao Usui e del Reiki
  • Il lignaggio Usui Reiki Ryoho
  •  Cos’è il Reiki (e cosa non è Reiki)
  • Gli originali precetti Reiki scritti dal Maestro Usui
  • Varie tipologie di Reiki (cenni)
  • Differenza tra Reiki e pranoterapia
  •  I 5 Principi del Reiki
  • La fonte dei principi dell’Usui Reiki Ryoho
  • Motto Komyo ReikiDo
  • I vari utilizzi del Reiki
  • Le 4 armonizzazioni (in momenti diversi del corso)
  • Byosen Reikan Ho
  • Tecnica di autotrattamento ( Ten-no Kata) – modalità e posizioni
  • Trattamento di I livello completo (Taikyoku Kata) – modalità, posizioni e deontologia
  • Trattamento ai bambini – modalità, posizioni e deontologia
  • Trattamento agli animali – modalità, posizioni e deontologia
  • Trattamento di gruppo – modalità, posizioni e deontologia
  • Trattamento alle piante, alle bevande, agli alimenti, ai farmaci – modalità e posizioni
  • Trattamento ai cristalli e pietre – modalità e posizioni
  • Meditazione Gassho
  • Shudan Reiki (maratona Reiki)
  • Reiki Mawashi (cerchio Reiki)
  • I tre modi per elevare il livello dell’Energia Reiki in sè stessi
  • Hatsurei ho
  • Il trattamento veloce o di primo soccorso – modalità, posizioni e deontologia
  • Meditazione Anapanasati
  • Percezioni possibili

Occorrente (per corsi collettivi e individuali)

  • Abbigliamento comodo
  • Calze di cotone o lana